2014-2018

Dopo il tutto esaurito registrato in campagna abbonamenti, al termine del girone d’andata si classifica seconda, colleziona la terza partecipazione consecutiva alla Coppa Italia. Al termine della stagione regolare la Grissin Bon è terza registrando oltre al miglior piazzamento di sempre, un nuovo record: la permanenza in serie A per il quarto anno consecutivo. Ai playoff i biancorossi superano i quarti con Brindisi, risultato che non si raggiungeva dalla stagione 97/98 con Dado Lombardi, ma i ragazzi di coach Menetti non si fermano qui: battono Venezia a gara7 e conquistano la finale scudetto contro Sassari. La serie termina con la vittoria della formazione sarda al PalaBigi al termine di Gara7.
Una serie quella delle finali che ha registrato ascolti altissimi e, nonostante il risultato sul campo, ha decretato la Grissin Bon vincitrice morale del campionato 2014/2015.
La Beko Supercoppa conquistata nel settembre 2015, primo trofeo nazionale nella storia del club, è solo il primo dei grandi traguardi raggiunti nella stagione 2015/2016. Le fanno seguito la qualificazione alla seconda fase di Eurocup, il 1°posto al termine del girone d’andata ed il 2° posto alla fine della stagione regolare con la partecipazione per il 4° anno consecutivo ai playoff scudetto fino a Gara 6 della Finale contro l’EA7 Emporio Armani Milano.
L’annata 2016/17 parte con nuovi protagonisti e vede la Grissin Bon confermarsi ai vertici del campionato con una nuova partecipazione alle Final Eight di Coppa Italia disputate a Rimini e la qualificazione ai play off scudetto di Serie A.
La stagione 2017/18 è quella della grande consacrazione europea: nonostante un inizio difficoltoso con sei sconfitte consecutive, i biancorossi sono riusciti a mantenere senza difficoltà la categoria, vivendo uno strepitoso cammino in Eurocup, arrivato fino alle semifinali con la corazzata Lokomotiv Kuban.
Un progetto vincente quello portato avanti dalla società che ormai da anni punta su giovani, italiani e di talento, con prospettive importanti di crescita e che in questo modo ha saputo conquistare le simpatie di tutta l’Italia sportiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *